Il Pastore Fonnese: tutto quello che c’è da sapere sulla razza sarda

By : Pet Eat
Apr 16, 2020
Blog Category
Il Pastore Fonnese: tutto quello che c’è da sapere sulla razza sarda

Dalle lontane origini, il Pastore Fonnese (o cane Fonnese) è una razza autoctona della Sardegna, con una storia forse millenarian alle spalle.
Il nome deriva dal paese di Fonni, in provincia di Nuoro, dove tutt’oggi si trova un importante nucleo che conserva le caratteristiche originarie.
Ci sono testimonianze dell’impiego di questa razza contro le incursioni di ribelli già nel lontano 231 a.C., nonché nella conduzione di greggi ai tempi dei Fenici e come cane-soldato durante la guerra libica del 1911.
 
Recenti studi sembrano aver rilevato che non ci siano somiglianze genetiche tra il Pastore Fonnese ed altre razze italiane, bensì alcuni tratti comuni con i mastini dell’Ungheria ed i levrieri del Medio Oriente.
Questa tesi è avvalorata dai ritrovamenti di graffiti sulle tombe dei Giganti in cui i cani raffigurati sono fortemente somiglianti a molossi o levrieri cartaginesi.
L’ipotesi più avvalorata riguarda l’arrivo sull’isola dei primi antenati di questa razza in tempi molto remoti, dopo aver navigato nel mediterraneo, insieme ai primi abitanti della Sardegna.

Le caratteristiche fisiche del Pastore Fonnese

Il Pastore Fonnese è un cane di media taglia il cui peso raramente supera i 29-35 chilogrammi e la cui altezza al garrese si attesta attorno ai 55 centimetri.
È un cane ben proporzionato, agile nonostante la robustezza, possente ed elegante.
Il pelo del Pastore Fonnese è piuttosto ispido e caprino, senza pezzature seppur di diverse tonalità (grigio, nero, bianco sporco, roano).
Negli esemplari maschi non è raro notare una sorta di criniera attorno al collo.
 
Si contraddistingue per uno sguardo profondo, penetrante, poco amichevole con chi minaccia i suoi cari o il suo territorio.
La sua struttura è solida, il corpo muscoloso ed asciutto,  l’andatura  sciolta.

Aspetti caratteriali ed impeghi del Pastore Fonnese

Questa razza è sempre stata storicamente utilizzata nella pastorizia, grazie al suo carattere forte e deciso e la sua innata capacità intuitiva, che lo rendono anche un ottimo guardiano.
Il Pastore Fonnese non è solo paziente con gli animali di cui si prende cura ma è anche ottimo compagno per la caccia grossa, soprattutto quella al cinghiale.
 
Nonostante gli aspetti caratteriali piuttosto primitivi, il Pastore Fonnese si caratterizza per la fedeltà verso i padroni.
Non è adatto a padroni pigri in quanto necessita di movimento fisico per poter sfogare la propria energia . La razza Fonnese è solitaria e diffidente con chi non conosce ma si dimostra molto affettuosa ed equilibrata nei confronti dei propri padroni. Va sottolineato che il Pastore Fonnese nella sua vita eleggerà un solo padrone, e solo uno, a cui dedicare tutta la sua fedeltà.
 

Cure, prezzi ed allevamenti di Pastore Fonnese

Come visto il Pastore Fonnese è una razza primitiva e pertanto non necessita di particolari cure.
 
Considerate le sue origini, questa razza è allevata principalmente in Sardegna dove gli allevatori si fanno forza del riconoscimento FCI ottenuta solo nel 2013.
Gli allevatori stanno quindi lavorando molto perché la diffusione della razza avvenga anche in altre zone d’Italia.
Negli allevamenti sardi ci si sta occupando anche di migliorare il patrimonio genetico della razza Fonnese, nonché di valorizzare e sostenere l’utilizzo della razza.
 
Il costo di un cucciolo di Pastore Fonnese è molto variabile, dipende dall’allevatore e dai controlli sanitari che sono stati fatti sui genitori.
Il consiglio sempre valido è quello di affidarsi ad allevamenti riconosciuti in grado di fornire tutta la documentazione relativa al cucciolo, nonché il pedigree.
Trattandosi di una razza poco diffusa in Italia il suggerimento è proprio quello di comportarsi come un Pastore Fonnese: siate diffidenti con gli sconosciuti e pretendete il meglio!